Intervista a MONICA ALBERTON, il cuore nella bocca

Intervista a MONICA ALBERTON, il cuore nella bocca

Soulteller, souldrawer e/o soulvoice?

Souldrawer.

Perché hai scelto di partecipare al progetto Soultrotters?

Prima di tutto per mettermi in gioco, e poi perché questo progetto lo vedo come un connubio perfetto dove passato, presente e futuro sono un’unica cosa. I soultrotters: il passato che ci insegna e ci ispira. I soultellers e i souldrawers: insieme al presente come azione per il futuro nel cambiamento.

Qual è il soultrotter a cui ti sei ispirato che ti ha coinvolto di più e perché?

Baba Bedi XVI, perché la Filosofia Acquariana mi è di guida nel vivere il quotidiano.

“…la prima richiesta che la Creatività ci pone è di essere vissuta pienamente, egoisticamente. […] Guardando verso la Natura, sentiamo i battiti del cuore della bellezza e dell’armonia, sentiamo i passi danzanti dell’equilibrio che appartiene alla Natura e l’occhio dell’Anima vede arcobaleni. […] La persona che vive creativamente emana socialmente questa beatitudine e tale emanazione così prolungata agisce come dinamica per la Pace sociale.” (Baba Bedi, 1986, “Creatività e Pace”, Risonanza Acquariana, 7, pag. 11)

Non ci piacciono le semplificazioni, siamo tutti esseri umani complessi dall’animo caleidoscopico. Ma prova a raccontarti come fanno i bambini: giocando al “Se fossi…”.

Se fossi un colore…

Turchese tendente all’indaco.

Se fossi un sapore…

Un gusto agrodolce.

Se fossi una citazione…

“Il vero viaggio verso la scoperta non consiste nell’andare alla ricerca di nuove terre, ma nel vedere con occhi nuovi.” (Marcel Proust)

Se fossi un libro…

“Sei personaggi in cerca d’autore” di Luigi Pirandello.

Se fossi un film…

“Forrest Gump” di Robert Zemeckis e “Schindler’s List” di Steven Spielberg.

Se fossi una canzone…

“Il cielo d’Irlanda” di Fiorella Mannoia

 

Un fatto storico che avresti voluto vivere o un evento a cui avresti voluto assistere…

45 anni fa lo sbarco dell’uomo sulla Luna. Vivere l’avventura dell’Apollo 11 e dei suoi astronauti.

Il momento della giornata o il gesto quotidiano che preferisci…

La notte per il suo silenzio e l’alba per il suo “buongiorno”.

Un luogo che vorresti visitare…

La Polinesia. Oppure, pensando a un viaggio più facilmente realizzabile, l’Irlanda, una terra magica avvolta di cielo e circondata di oceano.

Regalaci un’ispirazione per le prossime ore…

L’arte è una forma di conoscenza di sé, strumento di espansione della propria identità e di evoluzione: vivere i propri talenti favorisce la crescita etica e il vivere sociale.

Grazie, Monica.

Share This

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *