Intervista a MATTEO VINCENTI, il paroliere a ore

Intervista a MATTEO VINCENTI, il paroliere a ore

Soulteller, souldrawer e/o soulvoice?

Soulteller.

Perché hai scelto di partecipare al progetto Soultrotters?

Per un atto di fede, di molto tempo fa, che ha a che fare con la possibilità di essere buoni. Semplicemente buoni. Mi spiego: quel che mi stupisce ogni volta, nella lezione delle più grandi anime della nostra storia, è la consapevolezza, apparentemente controcorrente, che la realizzazione di sé non deve avvenire a spese di quella degli altri. Anzi, solo quando tutti potremo esprimere il nostro potenziale l’umanità farà un reale salto evolutivo.

Qual è il soultrotter a cui ti sei ispirato che ti ha coinvolto di più e perché?

Gandhi perché mi ricorda che la forza, ai suoi massimi livelli, si esprime senza sopraffazione. Una lezione che fatico a tenere a mente

Non ci piacciono le semplificazioni, siamo tutti esseri umani complessi dall’animo caleidoscopico. Ma prova a raccontarti come fanno i bambini: giocando al “Se fossi…”.

Se fossi un colore…

Rosso scuro.

Se fossi un sapore…

L’amaro legnoso di un tè nero cinese, che custodisce profumi e dolcezze all’interno.

Se fossi una citazione…

“Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere.” (Gandhi)

Se fossi un libro…

“Straniero alla terra” di Richard Bach.

Se fossi un film…

“Mediterraneo” di Gabriele Salvatores.

Se fossi una canzone…

“Niente da capire” di Francesco De Gregori.

Un fatto storico che avresti voluto vivere o un evento a cui avresti voluto assistere…

L’ultimo concerto di De André, a Roma, nel 1998.

Il momento della giornata che preferisci…

Le prime ore del giorno, una rarità. Ma non dopo un notte in bianco. Più realisticamente, il rientro a casa prima di cena, in auto, con la musica e la cappotta aperta.

Un luogo che vorresti visitare…

Un deserto, una città abbandonata o una qualsiasi regione disabitata.

Regalaci un’ispirazione per le prossime ore…

Se si può risolvere, perché prendersela?

Se non si può risolvere, perché prendersela?

Grazie, Matteo.

Share This

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *