Intervista a MONICA BERGAMIN, l’ar-monica possibilista

Intervista a MONICA BERGAMIN, l’ar-monica possibilista

Soulteller, souldrawer e/o soulvoice?

Soulteller.

Perché hai scelto di partecipare al progetto Soultrotters?

Perché le notizie e i modelli positivi in genere non fanno rumore e non se ne parla in modo diffuso. Quando ho letto di questo progetto d’istinto ho voluto farne parte. E poi volevo mettermi alla prova e divertirmi.

Qual è il soultrotter a cui ti sei ispirato che ti ha coinvolto di più e perché?

Ogni personaggio mi ha regalato ispirazione e a volte conoscenze su temi e fatti che ancora non avevo. Forse tra tutti Tina Lagostena Bassi perché me la ricordavo in qualità di giudice televisivo ma ignoravo il suo spessore umano, il suo impegno e le sue battaglie per il riconoscimento dei diritti femminili.

Non ci piacciono le semplificazioni, siamo tutti esseri umani complessi dall’animo caleidoscopico.  Ma prova a raccontarti come fanno i bambini: giocando al “Se fossi…”.

Se fossi un colore…

Rosso scarlatto. Ma se me lo chiedessero domani avrò di certo cambiato idea.

Se fossi un sapore…

Un formaggio dal gusto deciso, abbinato a un buon bicchiere di vino bianco.

Se fossi una citazione…

“Non guardare al passato con rabbia o al futuro con ansia, ma guardati intorno con attenzione.” (James Thurber).

Se fossi un libro…

“L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera.

Se fossi un film…

“Buffalo 66” di Vincent Gallo.

Se fossi una canzone…

“Love will tear us apart” dei Joy Division.

Un fatto storico che avresti voluto vivere o un evento a cui avresti voluto assistere…

Il movimento studentesco di Parigi nel maggio del ’68 e un concerto degli INXS di Michael Hutchence.

Il momento della giornata o il gesto quotidiano che preferisci…

Sorseggiare appena sveglia il primo caffè.

Un luogo che vorresti visitare…

Petra in Giordania.

Regalaci un’ispirazione per le prossime ore…

Accettiamo la libertà di legarci a coloro che amiamo perché ciò che diamo loro lo doneremo anche a noi.

Grazie, Monica.

Share This

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *