Intervista a ERIC DE PAOLI, il giovane in ricerca

  • Intervista a ERIC DE PAOLI, il giovane in ricerca

Soulteller, souldrawer e/o soulvoice?

Soulteller.

Perché hai scelto di partecipare al progetto Soultrotters?

Penso che il primo passo per intraprendere il miglioramento personale e sociale sia trovare uno o più modelli di riferimento.

Qual è il soultrotter a cui ti sei ispirato che ti ha coinvolto di più e perché?

G.I. Gurdjieff, il cui insegnamento mi affascina molto. Non è lui come individuo a ispirarmi, ma ciò che diceva e insegnava.

Non ci piacciono le semplificazioni, siamo tutti esseri umani complessi dall’animo caleidoscopico. Ma prova a raccontarti come fanno i bambini: giocando al “Se fossi…”.

Se fossi un colore…

Rosso carminio.

Se fossi un sapore…

Liquirizia.

Se fossi una citazione…

“No! Provare no. Fare! O non fare. Non c’è provare.” (Yoda in “Star Wars – L’Impero colpisce ancora”)

Se fossi un libro…

“Lo Hobbit” J.R.R. Tolkien.

Se fossi un film…

“L’Uomo d’Acciaio” di Zack Snyder.

Se fossi una canzone…

Princes of The Universe dei Queen.

Un fatto storico che avresti voluto vivere o un evento a cui avresti voluto assistere…

Woodstock.

Il momento della giornata che preferisci…

Al mattino presto, quando c’è ancora silenzio e il mondo e la mente sono più sgombri.

Un luogo che vorresti visitare…

Qualsiasi posto immerso nella natura, popolato da pochi ma buoni umani, dove sia possibile incontrare le persone in pace. Per farlo, però, dovrei imparare a convivere con le api e gli insetti!

Regalaci un’ispirazione per le prossime ore…

Sei felice?

Grazie, Eric.

Share This

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *