Intervista a ELENA MILILLI, l’animalista risoluta

  • Intervista a ELENA MILILLI, l’animalista risoluta

Soulteller, souldrawer e/o soulvoice?

Soulteller.

Perché hai scelto di partecipare al progetto Soultrotters?

Perché scrivere è per me un mezzo per immergermi in nuove storie e riuscirle a farle vivere nel mio cuore e nei sensi. Sapevo che, dando io voce a dei personaggi, li avrei conosciuti nei modi e nei tempi che mi vengono più naturali, e così avrei imparato molto da loro.

Qual è il soultrotter a cui ti sei ispirato che ti ha coinvolto di più e perché?

Ernest Shackleton, perché è riuscito a far sopravvivere il suo corpo in condizioni ambientali assurde, grazie al lucido comando di una mente tenace e ingegnosa.

Non ci piacciono le semplificazioni, siamo tutti esseri umani complessi dall’animo caleidoscopico. Ma prova a raccontarti come fanno i bambini: giocando al “Se fossi…”.

Se fossi un colore…

Giallo oro.

Se fossi un sapore…

Caramello.

Se fossi una citazione…

“Il male grida forte. Ma il bene grida più forte”. (Don Andrea Gallo)

Se fossi un libro…

“Il Conte di Montecristo” di Alexander Dumas.

Se fossi un film…

“Billy Elliot” di Stephen Daldry.

Se fossi una canzone…

“Pet Sematary” dei Ramones.

Un fatto storico che avresti voluto vivere o un evento a cui avresti voluto assistere…

All’apertura dei cancelli di Auschwitz e alla liberazione degli ebrei.

Il momento della giornata o il gesto quotidiano che preferisci…

Le due del pomeriggio, momento in cui per la strada passano pochissime auto e posso stare sul terrazzo in tranquillità.

Un luogo che vorresti visitare…

Il Madagascar.

Regalaci un’ispirazione per le prossime ore…

Se ti convinci che coloro che ti dicono che non riuscirai a fare una cosa, hanno ragione, non supererai la tua prova. Se invece ti convinci che, nonostante tutto, ce la puoi fare, la otterrai con successo.

Grazie, Elena.

Share This

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *