LFF2015_Deal with it, we’re kind.

Soultrotters è un progetto no profit nato e realizzato per la necessità e il piacere di fare qualcosa di bello, che crei fiducia e ispirazione. Grazie alla generosità di molte persone, ce la fa a esistere senza doversi piegare alla logica della marchetta che, purtroppo, di questi tempi è così diffusa da farsi normalità più che eccezione. Non lo sottolineo per ergere Soultrotters sullo scranno della superiorità morale, a cui sinceramente non sono interessata, ma per ribadire che – se abbiamo a che fare con qualcuno in quelle cose strane tipo partnership, media partnership, sponsorship e via dicendo – lo facciamo perché ci piacciono veramente le realtà con cui interagiamo, perché crediamo al loro progetto e apprezziamo il loro lavoro così come speriamo che loro si trovino bene in nostra compagnia.

Questo è proprio il caso del Lago Film Fest: quello che fanno i ragazzi del team di Revine Lago ci piace ed è in sintonia con il nostro spirito. L’ho saputo con certezza la prima volta che ho visto il video di Wrong to be kind.
C’è qualcosa di sbagliato nell’essere gentili? Vivendo in questa Italia che troppo spesso ha le idee confuse, parrebbe di sì. A voler essere solidali si viene accusati di buonismo, a voler essere aperti di qualunquismo. Certo, il rischio dell’esagerazione c’è sempre e l’intelligenza sta proprio nel sapersi mettere in discussione. Ma il più delle volte sto vedendo usare queste argomentazioni per difendere la rabbia e la violenza e per nascondere, con l’attacco all’altro in cui si identifica il nemico, vecchie ideologie che bloccano il pensiero, la riflessione, l’evoluzione. Sui social network queste dinamiche accadono all’ordine del giorno quando, invece, un po’ di gentilezza in più permetterebbe un atteggiamento sì critico ma anche costruttivo.
Quindi noi, in sintonia con lo spirito del Lago Film Fest, nel nostro lavoro continueremo a provare a dare forma e concretezza al rispetto, alla creatività, alla crescita culturale e umana, anche se sembra non essere di moda. Vogliamo esserne orgogliosi, anche se qualcuno può fraintenderci.

No, non siamo buonisti, siamo gentili.
Deal with it, we’re kind.

Patti

Share This

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *