Intervista a VERONIQUE “SUNANDA” CHARMONT, l’operaia della luce

  • Intervista a VERONIQUE “SUNANDA” CHARMONT, l’operaia della luce

Soulteller, souldrawer e/o soulvoice?

Soulteller e soulvoice.

Perché hai scelto di partecipare al progetto Soultrotters?

Per immergermi nel grande mare della condivisione che porta alla “Nuova Terra”.

Qual è il soultrotter a cui ti sei ispirato che ti ha coinvolto di più e perché?

Nella mia vita ha giocato un ruolo importante Amritananda Mayi Ma, perché è un’incarnazione dell’amore puro su questo pianeta.

Non ci piacciono le semplificazioni, siamo tutti esseri umani complessi dall’animo caleidoscopico. Ma prova a raccontarti come fanno i bambini: giocando al “Se fossi…”.

Se fossi un colore…

Azzurro, come il cielo verso sera.

Se fossi un sapore…

Mandorla.

Se fossi una citazione…

“Il tuo futuro sarà uguale al tuo passato a meno che non vivi da sveglio il tuo presente.” (Draco Daatson)

Se fossi un libro…

“Nuova Terra” di Eckhart Tolle.

Se fossi un film…

“Il Signore degli Anelli” di Peter Jackson.

Se fossi una canzone…

“Viaggiare” di Domenico Modugno.

Un fatto storico che avresti voluto vivere o un evento a cui avresti voluto assistere…

La caduta del muro di Berlino.

Il momento della giornata o il gesto quotidiano che preferisci…

Il primo passo fuori di casa all’aria aperta e bere il primo caffè del mattino.

Un luogo che vorresti visitare…

La Patagonia.

Regalaci un’ispirazione per le prossime ore…

Non prenderti mai troppo sul serio!!!

Grazie, Veronique.

Share This

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *