Intervista a ALICE BRUNELLO LUISE, la visionaria gotica

  • Intervista a ALICE BRUNELLO LUISE, la visionaria gotica

Soulteller, souldrawer e/o soulvoice? 

Souldrawer.

Perché hai scelto di partecipare al progetto Soultrotters?

Perché posso comunicare la mia visione su personaggi “speciali” e perché, attraverso le immagini, posso far arrivare delle emozioni oltre le parole.

Qual è il soultrotter a cui ti sei ispirato che ti ha coinvolto di più e perché

Davvero non riesco a sceglierne uno solo. Un pezzettino di tutti compone quella che vorrei diventasse la mia visione delle cose. Il coinvolgimento lo sento ogni volta che devo creare un’immagine ed è sempre della stessa intensità.

Non ci piacciono le semplificazioni, siamo tutti esseri umani complessi dall’animo caleidoscopico. Ma prova a raccontarti come fanno i bambini: giocando al “Se fossi…”. 

Se fossi un colore… 

Verde turchese.

Se fossi un sapore… 

Arancia amara, cannella e un cucchiaino di miele.

Se fossi una citazione… 

“Io mi so dar ottimi consigli, ma poi seguirli mai non so. Rifletti! È un ottimo consiglio, però poi assai curiosa son e mi piaccion avventura e novità.” (Lewis Carroll in “Alice nel Paese delle Meraviglie”)

Se fossi un libro… 

“Momo” di Michael Ende.

Se fossi un film… 

“Io non ho paura” o “Mediterraneo” di Gabriele Salvatores.

Se fossi una canzone… 

Don’t speak dei No Doubt.

Un fatto storico che avresti voluto vivere o un evento a cui avresti voluto assistere…

Il concerto “Live at Wembley” dei Queen.

Il momento della giornata che preferisci… 

Poco prima di pranzo.

Un luogo che vorresti visitare… 

Il Giappone.

Regalaci un’ispirazione per le prossime ore… 

Immergiti in una vasca da bagno con schiuma profumata, la luce delle candele, la musica a basso volume e una bella birretta fresca. Pura rigenerazione per il corpo e la mente.

Grazie, Alice.

Share This

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *