Daily InspirAction_Human_Aida’s Interview

“Mi chiamo Aida Mbaye e Mbaye è il mio cognome. Ho 40 anni e lavoro alla discarica di Mbeubeuss. Appena mi alzo al mattino, inizio la mia giornata con la raccolta della spazzatura, delle scarpe usate, degli scarti di tessuto e di altre cose. Alcune persone dicono che il lavoro che faccio è sporco. Io invece vorrei dire a queste persone che per Aida quella sporcizia lì non è affatto disgustosa. E sai perché? Perché quello è il mio lavoro. E mentre tutti gli altri vedono solo sporcizia, ...
Share This

Intervista a PATRIZIA SPINETTA, la viaggiatrice creativa

Intervista a PATRIZIA SPINETTA, la viaggiatrice creativa
Nata nel 1980 in quel che fu il ricco Nordest, l'hanno chiamata Patrizia ma lei si chiama Patti. A pochi mesi di vita i suoi genitori l'hanno caricata in macchina e le hanno fatto affrontare la sua prima traversata dell'Italia. Da allora la sua condizione necessaria e ideale è quella del viaggio, in tutti i sensi.
Share This

Intervista a VALERIA BISSACCO, l’addomesticatrice di draghi

Intervista a VALERIA BISSACCO, l’addomesticatrice di draghi
Valeria ha fatto della fotografia una delle sue passioni più grandi, spesso abbinata alla musica dal vivo che segue fin da adolescente con la sua reflex al collo. Il passaggio dalla pellicola al digitale l’ha resa una vera bulimica delle immagini e una frenetica cacciatrice e manipolatrice di luce. Sogna infine di riuscire a cavalcare tutti i draghi che ancora si agitano nelle sua mente.
Share This

Daily InspirAction_Human_Ki-moon’s Interview

“Sono Ban-Ki moon e ho 70 anni. Sono il Segretario Generale delle Nazioni Unite. Sono nato in Corea. La Corea è molto povera ed è stata devastata dalla guerra nel 1950. Quando ero giovane pensavo: “Quale sarebbe il modo migliore per dare un contributo significativo alla mia società?” Ed è così che ho provato a mettermi al servizio del paese in cui vivevo.” Ban-Ki moon – USA
Share This

Intervista a TOMASO BELLONI, l’astronomo persistente

Intervista a TOMASO BELLONI, l’astronomo persistente
Tomaso qualche anno fa ha scoperto le possibilità fotografiche del suo iPhone e partendo da lì ha iniziato una densa attività sia fotografica che di editing artistico che lo ha portato a esplorare parti di sé che ignorava completamente. L’occhio fotografico gli fa vedere il mondo in un modo diverso.
Share This